E ANCORA Sports…in caMp

CON I GIOCHI DEL PASSATO NELLE SCUOLE dell’INFANZIA E LA CENTRALITA’ DEL BAMBINO!


E così è passato anche il mese di luglio per il nostro Sports…in caMp.


Ci siamo divertiti, ci siamo stancati, ci siamo risvegliati per iniziare una nuova avventura.

Eh sì, la nuova avventura di Sports… in CaMp è stata la SCUOLA, la scuola dell’Infanzia:

abbiamo fatto un SALTO di qualità ed abbiamo portato il nostro camp in diverse scuole dell’infanzia nei comuni di Meda, Seveso, Cantù, Seregno e Cabiate ed abbiamo proprio fatto un JUMP IN ENGLISH: un grande progetto che parte dal concetto di giocare e muoversi.

E lo abbiamo fatto pensando al passato, ai giochi del passato che tanto piacevano ai nostri genitori e ai nostri nonni.


CHE BELLO!! UN PROGETTO DOVE INVECE DI LAVORARE SI GIOCA E CI SI MUOVE!!!

Il gioco dell’elastico è davvero fantastico! Il gioco dell’elastico era molto divertente perché non si perdeva niente!

Il gioco mosca cieca è molto divertente, si gioca in gruppo e non si perde niente, si corre qua e là, e ci si diverte per l’immensità. Si gioca in un prato senza ostacoli, e si allungano le mani come tentacoli. È il nostro gioco preferito, e lo ricorderemo all’ infinito.

Puoi saltare uno, due, tre… con il gioco della campana, ma perché? Lancia il sasso da lontano ma salta molto piano! E’stato inventato molto tempo fa, ma ci si gioca ancora qua.

Il pomeriggio si gioca a …nascondino un gioco amato da ogni bambino. Per decidere a chi tocca Si fa la conta a filastrocca. Se i bambini devi trovare Fino a dieci devi contare 1…2…3…4… mi nascondo quatto quatto 5…6…7…8… Se mi becca sono cotto 9… e chi si muove 10… inizia la ricerca. Non muovetevi, state in campana altrimenti…tana!!!


Ed è qui, con questi piccoli grandi uomini, che ci siamo resi conto che sono loro che ogni giorno ricordano a noi grandi, a noi educatori, a noi maestri, a noi specialisti, a noi animatori, a noi nonni, a noi tate, a noi zii che i bambini hanno bisogno di muoversi, di arrampicarsi, di saltare.

E hanno bisogno di fare tutto ciò per imparare a farlo, per capire come si fa, per acquisire tutte le competenze neuro-fisio-psico-senso-motorie.

E cosa molto importante, i bambini devono sentirsi in grado di avere un effetto sul mondo.


L’INTELLIGENZA DEI PIEDI esiste ed è fondamentale per dare forma e sostanza alle future intelligenze.

E noi pensiamo di aver dato un contributo ed una possibilità in più a questi 200 bambini che hanno passato le settimane con noi nelle scuole della Brianza.

E concludiamo con un augurio per il futuro dei vostri figli:


L’uomo non smette di giocare perché invecchia, ma invecchia perché smette di giocare. (John Bernard Show)



4 visualizzazioni

© 2023 by Name of Site. Proudly created with Wix.com